Viaggi di testa e viaggi nel mondo

Le affinità selettive

 

 

Non c’è niente da fare: per me, per sentirsi bene, si devono trovare delle persone a noi affini.

Ma non affini nel modo di pensare. Che le diversità possono arricchire, il confronto tra idee puo’ essere produttivo, l’accettazione del diverso motivo di crescita.

Affini negli interessi o nelle passioni, che ci fanno sentire di avere cose in comune e quindi meno soli.

Affini nei valori, nel modo di concepire la vita. Per le cose che si ritengono importanti.

E, cosa piu’ importante, affini nella sensibilità.

 

 

Perchè se manca questa affinità, c’è il rischio, prima o poi, di restare delusi o feriti. Pur avendo tante cose in comune. C’è il rischio di arrivare a sentirsi soli, anche se si è con qualcuno. Ci puo’ essere lo scontro fra modalità, ed è il piu’ sensibile ad essere toccato. Prima o poi, possono nascere incomprensioni, fuori, e fratture, dentro.

Non è una cosa che si capisce subito.

Spesso, all’inizio, ci puo’ essere l’esaltazione dell’incontro con l’altro. E questo in ogni relazione. Ci puo’ essere il desiderio forte di comunione con gli altri o con l’altro. La voglia di appartenere. Emergono le cose in comune, quelle che creano vicinanza. Ognuno tende a mostrare il meglio di sè. Ognuno tende a vedere il meglio dell’altro. C’è il gusto di condividere cose insieme. Molti bisogni trovano soddisfazione.

 


E’ nel tempo che si cominciano a vedere le cose piu’ sottili e forse piu’ reali. E che la sensibilità ne risente. Quando si è già stati accettati e ci si permette di fare uscire qualcosa di piu’.

Emergono quelle divergenze che separano e fanno male. Magari attacchi mascherati o inconsci, ma che colpiscono. Si dà qualche cosa di piu’ di sè e si vede qualche cosa di piu’ dell’altro. Che non brilla piu’ come quando tutto è cominciato.

E quindi si puo’ rimanere frastornati, perchè non era quello che pensavamo o che avevamo visto. Assetati di relazioni appaganti e coinvolgenti all’inizio, cominciamo a farci un quadro completo solo dopo. E magari sono proprio le cose che piu’ ci piacevano all’inizio, a darci fastidio.

Magari sono i nostri conflitti interni che vengono risvegliati dalla relazione.

 

 

 

Si puo’ cercare di non allontanarsi, perchè in fondo ci piace stare con quella persona o con quel gruppo di persone. Oppure, perchè comunque ci si vuole bene.

Ma non è facile stare con questa sensazione. Non è facile stare, in mancanza di una sensibilità affine. Non è facile dover rendersi conto di quel che sta accadendo e accettarlo.

Sentire che non si sta più bene come prima e che occorre fare una scelta.

A volte si resta per necessità o perchè non si hanno alternative.

Stare e negare, far finta di niente, ma non stare piu’ bene.

Stare e subire, mandare giu’ bocconi amari, con la tristezza del malessere.

Stare perchè fa piu’ male andarsene, ma sentire ogni volta una frattura, che allontana ancor di piu’.

Stare e cercare di proteggersi in qualche modo.

O scegliere di andare e lasciare alle spalle.

Mentre aumenta il bagaglio dei nostri rimanerci male.

 

 

Sarebbe bello riuscire a capire fin da subito chi ha sensibilità affine e fare una selezione preventiva. Poterlo fare, o averne la forza. Oppure, essere cosi’ bravi da lasciarsi scivolare le cose addosso e andare oltre..

Ma a volte le cose succedono, travolgono o coinvolgono, e allora si vivono..

E’ importante anche vivere, e nel vivere ci sono misure da prendere. E lezioni da imparare.

 

 

 

 

 

Visite: 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cosa vuoi cercare ?
Seguimi su Facebook
Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Seguimi anche su Instagram
Chi sono

Patrizia Pazzaglia, Patty dopo un po’.

Sono versatile, camaleontica e un po’ nevrotica. 

Una come tante.  Nessuna grande passione, ma so appassionarmi.

Prendo tutto molto sul serio e in tutto quello che faccio, se mi interessa, ci metto impegno e dedizione.

Scarsamente tecnologica, diversamente social.

Mi piace condividere, mi piace ascoltare, esprimermi, se è il caso, e stupirmi.

Mi piace vivere intensamente e andare in profondità delle cose che mi interessano e lasciare andare ciò che non mi serve (anche se con difficoltà).

Mi piace lasciarmi contagiare dalla bellezza e dalle emozioni e..naturalmente viaggiare, fuori e dentro di me, col corpo e con la mente (ma anche con lo spirito).

Perchè la vita è un gran bel viaggio.

Se vuoi ricevere i prossimi articoli
Statistiche di Google Analytics
generato da GADWP