Viaggi di testa e viaggi nel mondo

Muri e confini

 

 

Si alzano muri quando non si riescono a mettere sani confini.

Confini che proteggano.

Si alzano muri quando, dopo che ci si è aperti, ci si accorge che troppo facilmente si potrebbe essere feriti.

Si alzano muri quando si sente avvicinarsi un’esperienza simile a quelle che ci ha lasciato cicatrici.

Si alzano muri, che blocchino l’ingresso, quando si sente che fare entrare puo’ far male.

Si alzano muri perché si hanno parti scoperte, che toccate farebbero esplodere emozioni primitive e forse incontenibili.

Si alzano muri con l’incoscienza.

Si alzano muri per sopravvivere.

Senza comprendere che non solo blocchiamo, ma restiamo bloccati.

 

Si mettono confini quando si è in grado di dire di no.

Si mettono confini quando si capisce che ci si deve proteggere.

Si mettono confini per delimitare fin dove acconsentiamo che si arrivi.

Si mettono confini per non essere invasi.

Si mettono confini per non confondersi.

Per conservare un’identità.

 

E allora, per poterci aprire dobbiamo abbattere i muri e creare confini.

Abbiamo bisogno di qualcuno di cui sentiamo che ci possiamo fidare.

Che non tradisca le nostre non sane aspettative.

Che resti nonostante il nostro bisogno e i nostri momenti bui.

Che avendo sensibilità affine, non ci ferisca.

Che riesca a darci lo stimolo per abbattere i nostri muri.

Che sappia attendere ed entrare con delicatezza.

Che, anche con la sua paura, venga incontro alla nostra paura.

Che ci sia, e ci accolga, con il suo affetto o il suo amore.

Qualcuno che ci rispetti.

Qualcuno che ci contenga.

E magari ci faccia da confine, nell’attesa di crearcelo noi, un confine.

 

 

 

 

 

 

[foto Pixabay e Patrizia Pazzaglia]

Visite: 23

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cosa vuoi cercare ?
Seguimi su Facebook
Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Seguimi anche su Instagram
Chi sono

Patrizia Pazzaglia, Patty dopo un po’.

Sono versatile, camaleontica e un po’ nevrotica. 

Una come tante.  Nessuna grande passione, ma so appassionarmi.

Prendo tutto molto sul serio e in tutto quello che faccio, se mi interessa, ci metto impegno e dedizione.

Scarsamente tecnologica, diversamente social.

Mi piace condividere, mi piace ascoltare, esprimermi, se è il caso, e stupirmi.

Mi piace vivere intensamente e andare in profondità delle cose che mi interessano e lasciare andare ciò che non mi serve (anche se con difficoltà).

Mi piace lasciarmi contagiare dalla bellezza e dalle emozioni e..naturalmente viaggiare, fuori e dentro di me, col corpo e con la mente (ma anche con lo spirito).

Perchè la vita è un gran bel viaggio.

Se vuoi ricevere i prossimi articoli
Statistiche di Google Analytics
generato da GADWP