Viaggi di testa e viaggi nel mondo

Viaggiare risparmiando: come organizzare un viaggio fai da te

 

 

Parliamo dell’organizzazione di viaggi, in aereo, dove si prenota in autonomia o semi-autonomia, volo, alloggio ed eventuali escursioni.

L’obiettivo è: risparmiare rispetto a quanto si spenderebbe acquistando un pacchetto preconfezionato di un tour operator.

Alcune cose devono essere chiare fin da subito se si vuole organizzare un viaggio fai da te:

-occorre spendere tempo per cercare offerte e informazioni: praticamente la ricerca diventa un vero e proprio “lavoro”. Ci vuole quindi anche una buona dose di passione e curiosità. Prenotare un pacchetto è molto piu’ comodo, ma prenotare in autonomia significa avere a disposizione maggiore flessibilità per la scelta di date e alloggi

-se prenotando con agenzia la responsabilità di eventuali disservizi o problemi puo’ essere a carico dell’agenzia stessa per quel che propone, col fai da te ci si assume la responsabilità di quel che si sceglie. Con agenzia, è a questa che ci si puo’ rivolgere per la risoluzione di problemi o eventuali controversie. Prenotando autonomamente ci si deve far carico di qualsiasi azione per risolvere, reclamare, patteggiare.

In ogni caso puo’ essere sempre opportuno fare un raffronto tra la cifra offerta per un pacchetto già preconfezionato e quella che si spenderebbe organizzando in fai da te, per scegliere la modalità economicamente piu’ vantaggiosa. A volte alcune agenzie (o portali on line) potrebbero avere offerte migliori per determinate destinazioni. Mi è capitato, per esempio, con alcuni resort delle Maldive: ho trovato maggiore convenienza ad acquistare da agenzia specializzata, che acquistava a sua volta da operatori tedeschi, piuttosto che direttamente dal resort o da qualche intermediario (tipo Booking.com).

 

 

Se una volta c’era la speranza di trovare occasioni all’ultimo minuto, i cosi’ detti “last minute”, ora queste possibilità si sono di gran lunga ridotte.  E’ molto piu’ facile trovare buone offerte prenotando “first minute”, che significa prima possibile: in agenzia ci sono sconti ed agevolazioni (sconti in denaro, bambini gratis, ecc.) appena escono le offerte dei tour operator e per un determinato periodo di tempo; in fai da te, voli e strutture hanno le migliori offerte molto tempo prima della partenza, per un determinato numero di posti messi a disposizione.

Il primo requisito per prenotare un viaggio a prezzi vantaggiosi, è la flessibilità delle date. Poter partire al di fuori dei ponti e delle festività consente un notevole risparmio. Se cio’ non fosse possibile, la cosa migliore è, per i voli, prenotare prima possibile (tranne per i low cost come Ryanair, Easyjet, Vueling, ecc., che spesso hanno le tariffe migliori circa 2 mesi prima). Molte compagnie aeree hanno la possibilità di iscrizione alla newsletter, che consente di ricevere le offerte appena escono, pertanto questa è un’azione molto consigliata.

Stessa cosa dicasi per l’alloggio in hotel o resort: molto spesso le offerte piu’ convenienti sono con la prenotazione anticipata (in inglese chiamata “early bird“). Per gli appartamenti, prenotare con notevole anticipo consente di avere una maggiore possibilità di scelta.

Se poi si riesce ad essere anche flessibili per la destinazione, avendo magari stilato una wish list, si puo’ decidere in base alle migliori offerte delle compagnie aeree: ad esempio, noi abbiamo scelto di fare le vacanze a Mauritius, in Thailandia e in Repubblica Domenicana, senza che queste fossero destinazioni prescelte in precedenza, perchè abbiamo trovato delle ottime offerte di voli.

 

 

Come muoversi per organizzare un viaggio in fai da te (consigli personali)

La prima cosa da fare quando si trova un volo interessante, prima dell’acquisto, è andare a vedere a grandi linea i costi degli alloggi e il costo della vita (trasporti, cibo, intrattenimenti, escursioni ecc.) nel paese di destinazione, per farsi un’idea della spesa. Se questa rientra nel budget che ci si era prefissato, allora si puo’ procedere con l’acquisto del volo.

Una volta acquistato il volo, è importante iniziare un lavoro di raccolta delle informazioni sui luoghi dove alloggiare e sulle escursioni da fare, per delineare il viaggio.

Io di solito cerco informazioni sui blog:  l’importante è che i racconti e le informazioni vengano da esperienze realmente vissute. Per esempio il blog Bimbi e Viaggi (per il quale scrivo anch’io ) è molto ricco e valido, a mio avviso, in quanto contiene articoli con esperienze di diverse persone per moltissime destinazioni, con target famiglia, che è quello che attualmente mi interessa. Ce ne sono altri molto validi sul web: googlando la destinazione si possono trovare innumerevoli risposte e sceglierne piu’ di uno per vedere quelli con le informazioni che piu’ ci interessano.

 

 

Anche i diari di viaggio su Turisti per caso, mi sono stati sempre molto utili, come i vari forum per destinazione di Tripadvisor o le recensioni (per luoghi, alloggi, escursioni, mezzi di trasporto). Su quest’ ultimo, è possibile anche porre i propri quesiti ai viaggiatori ed avere una risposta da loro o dagli esperti per destinazione, o, in alternativa, è possibile anche mandare un messaggio privato chiedendo informazioni specifiche. Io uso spesso questa modalità, che si è rivelata  molto utile per avere feedback reali che mi hanno facilitato poi una decisione. Una considerazione è importante fare, andando a leggere le recensioni: non siamo tutti uguali. Quindi una cosa che per qualcuno puo’ essere importante, per noi puo’ essere irrilevante o viceversa. Pertanto è opportuno considerare le recensioni e i punteggi nel loro insieme e non singolarmente e valutare se i parametri usati per una valutazione sono gli stessi nostri, se le cose a cui una persona da importanza hanno la stessa importanza anche per noi. Generalmente, io scelgo sulla base di un punteggio alto (possibilmente uniformemente alto) e magari mi vado a leggere le recensioni negative, per vedere se quanto ivi indicato, per me riveste importanza oppure no.

Per la scelta degli alloggi, oltre a Tripadvisor che offre un elenco di quelli presenti, si puo’ cercare anche tramite uno dei tanti portali dove sono presenti le offerte di hotel o appartamenti, come Homeaway o Airbnb per gli appartamenti, Booking.com, Agoda (soprattutto per l’Asia), Expedia, Lastminute.com, Hotels.com, Venere.com, per gli hotel  o portali che li accomunano, come Trivago o Alltherooms.

 

 

Solitamente, prima di fare una prenotazione, dopo aver letto le recensioni e visto centinaia di foto, io cerco se è presente il sito internet dell’alloggio (resort, hotel o appartamento), per verificare qual’è la tariffa piu’ conveniente: non è raro che, sul sito si trovi la miglior tariffa.

Non ultimo: è importante stipulare un’assicurazione. L’assicurazione contro l’annullamento  è da valutare qualora convenga rispetto alla cifra spesa, ricordando che, in caso di cancellazione, la compagnia aerea deve rimborsare le tasse aeroportuali, e la restante somma è quella che potrebbe rimborsare l’assicurazione. E’ importante pero’ andare sempre a leggere le condizioni generali, le coperture e le esclusioni perchè il rimborso è previsto solo per le circostanze descritte (ad esempio quasi nessuna assicurazione copre le malattie preesistenti) e ricordare che qualsiasi causa di annullamento deve essere documentata.

A mio avviso è invece indispensabile  stipulare un’assicurazione che copra spese mediche e assistenza e anche responsabilità civile, infortunio ed eventuale rientro anticipato (soprattutto in caso di viaggio fuori dall’Europa, dove i costi sanitari potrebbero essere molto alti). Esistono oggigiorno molte compagnie di assicurazione che vendono le polizze on line (con possibilità di fare un veloce preventivo gratuito), con diverse clausole in merito alla sottoscrizione (contemporanea alla prenotazione o anche successiva): consiglio sempre di controllare coperture, massimali e franchigie e anche le opinioni sul web. In alternativa, la maggior parte delle compagnie aeree offrono, al momento della prenotazione, la possibilità di sottoscrivere un’assicurazione: è importante, anche in questo caso, controllare quali sono le coperture e i massimali (a volte possono essere non complete le prime o troppo bassi i secondi, e a volte in caso di annullamento viene coperto soltanto il volo e non gli alloggi).

Organizzare un viaggio in autonomia è molto impegnativo, ma il viaggio comincia molto prima della data di partenza. E’ un modo per cominciare a sognare, a immaginare ed avvicinare il momento, come ho scritto qui 

Quando inizia un viaggio

 

E con gli strumenti che si hanno a disposizione al giorno d’oggi, con un po’ di attenzione le sorprese negative si possono proprio ridurre al minimo.

Buone prenotazioni di viaggi in fai da te!

 

(foto Pixabay e Patrizia Pazzaglia)

dicembre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cosa vuoi cercare ?
La mia pagina Facebook
Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Chi sono

Patrizia Pazzaglia, Patty dopo un po’.

Sono versatile, camaleontica e un po’ nevrotica. 

Una come tante.  Nessuna grande passione, ma so appassionarmi.

Prendo tutto molto sul serio e in tutto quello che faccio, se mi interessa, ci metto impegno e dedizione.

Scarsamente tecnologica, diversamente social.

Mi piace condividere, mi piace ascoltare, esprimermi, se è il caso, e stupirmi.

Mi piace vivere intensamente e andare in profondità delle cose che mi interessano e lasciare andare ciò che non mi serve (anche se con difficoltà).

Mi piace lasciarmi contagiare dalla bellezza e dalle emozioni e..naturalmente viaggiare, fuori e dentro di me, col corpo e con la mente (ma anche con lo spirito).

Perchè la vita è un gran bel viaggio.

Iscriviti alla newsletter