Viaggi di testa e viaggi nel mondo

Appassionatamente in giro per il centro di MODENA

 

 

Modena, prima o poi te la faccio una dichiarazione d’amore.. dedicandoti un articolo, per far conoscere il tuo splendore!

Ed è venuto il tempo.

Solo da alcuni anni frequento Modena, pur abitando nel bolognese, nell’ultimo paesino prima che inizi la provincia di Modena. Ho cominciato ad andare dopo che mia figlia ha scelto di frequentare l’Istituto d’arte Venturi, qualche anno fa, che ha sede appunto in città, in uno storico edificio

 

 

https://www.instagram.com/p/CGj7x3Elq40/?utm_source=ig_web_copy_link

Le prime volte sono andata per rendermi conto di dove fosse la scuola, poi per vedere cosa ci fosse nei dintorni, cosa offrisse questa città.. ed è stato amore, se non a prima vista, subito dopo!

Modena ha un centro storico raccolto, che si raggiunge in pochi minuti dalla stazione dei treni, dall’autostazione dei bus, o in auto, parcheggiando sui viali che la circondano. Non è troppo grande, è accogliente, mantiene aspetti molto tradizionali; in una parola, è a misura d’uomo. I modenesi sono generalmente gioviali, gentili, collaborativi, semplici e diretti: lo si vede anche solo entrando nei negozi.

 

In giro per il centro di Modena: cosa vedere

La Via Emilia

La via Emilia, che unisce l’Emilia Romagna, da est ad ovest, da Piacenza a Bologna, attraversa letteralmente il centro di Modena, dividendo in due la città

 

 

Passa accanto al monumento simbolo di Modena, la Torre della Ghirlandina e alla contigua Piazza Grande, nel centro storico della città. Con i suoi portici e i suoi bei negozi, dalla via Emilia dipartono viuzze e vicoletti deliziosi, pieni di edifici e di locali, e le vecchie botteghe, spesso rimaste intatte dai tempi passati, che rendono le passeggiate interessanti e affascinanti

 

 

Nel periodo natalizio, poi, con le luminarie e gli addobbi, Modena è deliziosa

 

 

Solitamente io giungo in treno, e dalla stazione, che è anch’essa un edificio molto bello, per arrivare in centro passo dalla strada della Ex manifattura, una zona pedonale che ha un che di europeo 

 

 

Piazza Roma

Da qui, sul fondo, girando sulla sinistra accanto alla scuola che frequentava mia figlia, in Via Belle Arti, si arriva nella bella ed enorme piazza Roma. Contornata da bei palazzi rosso mattone o gialli,  infonde un senso di ampiezza ed apertura, e ospita alcuni giochi d’acqua al suo centro

 

 

Piazza Roma è sovrastata dall’imponente e barocco Palazzo Ducale, dove un tempo si ergeva un castello, sede della corte estense; attorno al 1600 venne sostituito l’odierno edificio, ora sede di una prestigiosa Accademia militare, che ha conservato la caratteristica regalità del suo passato E’ abbastanza frequente passeggiando per Modena, vedere i cadetti, con le loro belle ed eleganti uniformi che girano per la città

 

 

https://laguidadimodena.it/guida/palazzi-storici-modena/palazzo-ducale

 

Via del Taglio e Piazza della Pomposa

Dal centro di Piazza Roma, di fronte al palazzo dell’Accademia, si puo’ prendere via Farini, una tradizionale strada con portici ai lati, che incrocia la Via Emilia; oppure si può svoltare a destra per la bella via del Taglio, classica strada pedonale da passeggio, con negozi e locali, che termina in un angolo molto pittoresco, rimasto intatto dal secolo XVIII, Piazza della Pomposa. La piazza ha una forma davvero strana: è triangolare

 

 

E’ dominata dalla chiesa di Santa Maria della Pomposa, nome derivante dall’abbazia di Pomposa, località vicino a Comacchio, da cui dipendeva, e risale al medioevo, ma è stata ricostruita attorno al 1700. La piazza è circondata da palazzi storici colorati, ed è molto vivace la sera, tra osterie, ristoranti, locali, e persone che passeggiano.

 

Piazza Grande, la Ghirlandina e il Duomo

 

Piazza Grande ha come protagonista il bellissimo duomo romanico, la cattedrale di Santa Maria Assunta in Cielo e San Geminiano, e la torre della Ghirlandina: io ogni volta non resisto dal fotografare questi monumenti, che dal 1997, fanno parte del patrimonio Unesco

 

L’ingresso principale del Duomo non si trova su Piazza Grande come si potrebbe pensare: quello che si vede, a fianco alla Ghirlandina è il retro della chiesa, e sulla piazza c’è l’ingresso laterale

 

 

La facciata si trova dietro, su Piazza Duomo, più piccola ma deliziosa

 

 

dove si nota il contrasto tra il bianco dell’edificio che spicca, e il color mattone delle costruzioni storiche circostanti, i portici, gli archi, tra cui quello che attraversa Corso Duomo

 

 

La Torre Ghirlandina, che sta di fianco, ha un accesso che, salendo 200 gradini porta a un punto panoramico a 360° sulla città

 

 

Il pavimento di Piazza Grande è in ciottoli di fiume; sulla piazza si affaccia il Palazzo Comunale con la torre dell’orologio, molto interessante da visitare per le sale affrescate, e luogo dove è tenuta anche la famosa Secchia rapita, oggetto di un poema eroicomico di Tassoni, nel quale la secchia era oggetto di contesa, nell’ambito di una guerra tra modenesi e bolognesi.

 

Sotto al palazzo, si trova un bel porticato, con bar e caffè e l‘ufficio del turismo.

 

Un arco conduce in Piazzetta delle Ova e sulla via Emilia, nel punto in cui di fronte c’è Piazza Mazzini, una bella e grande piazza rettangolare, dove è ubicata la sinagoga, edificio molto interessante

 

 

Il mercato Albinelli

 

Ogni volta che vado in centro a Modena non riesco a fare a meno di una sosta al “Mercato Storico Albinelli”, un mercato alimentare storico dal particolare fascino liberty, dove si possono trovare prodotti tradizionali, anche DOP e IGP, e piccoli locali e spazi per un pasto o una degustazione.

A proposito di cibo sottolineo che a Modena si mangia davvero bene; in particolare alcune delle deliziose specialità modenesi sono i tortellini (nati non a Bologna ma in un paesino della provincia modenese, Castelfranco Emilia), il cotechino, lo zampone, le tigelle, il gnocco fritto, il dolce Bensone, senza dimenticare il famoso aceto balsamico e il vino Lambrusco

 

 

Posti particolari a Modena

Segnalo un paio di posti che meritano una visita quando si è a Modena: il primo, nella campagna, è la Casa Museo di Pavarotti, una villa stupenda dove spesso vengono organizzati eventi e dove ci sono in mostra ricordi, dediche, costumi, premi del grande Maestro

 

L’altro posto è una chiesa sconsacrata dove vengono organizzate mostre, eventi culturali o artistici, e che non si sa mai cosa si trova, ma è una location stupenda, se si capita nelle occasioni in cui è aperta: la chiesa barocca di San Carlo, nell’omonima via

https://www.visitmodena.it/it/scopri-modena/arte-e-cultura/chiese-ed-edifici-religiosi/modena/chiesa-di-san-carlo

 

 

Adoro Modena perchè la sento genuina, per i suoi angoli singolari e le sue botteghe antiche, che riportano indietro nel tempo, e per il modo di fare delle persone, spontaneo e cordiale ..

Per questo, un giro per Modena, che non richiede neanche tanto tempo, anche solo una mezza giornata, lo consiglio vivamente.. e poi ci sono tanti bei borghi con castelli da vedere nei dintorni, e i musei Ferrari, che sono ben due, a Modena e a Maranello, per i patiti dei motori!

 

Borghi e castelli del MODENESE e altre bellezze: Spilamberto, Castelvetro, Levizzano, Spezzano, Guiglia, Vignola, Savignano, Nonantola, Maranello, Zocca

 

In provincia di Modena

In giro per l’APPENNINO MODENESE: le CASCATE del BUCAMENTE (MO)

I vulcani dell’APPENNINO EMILIANO: le SALSE di NIRANO (Mo)

Panchine giganti in Emilia Romagna: a Prignano (MO) e a Castellarano (RE)

Borghi e castelli del MODENESE e altre bellezze: Spilamberto, Castelvetro, Levizzano, Spezzano, Guiglia, Vignola, Savignano, Nonantola, Maranello, Zocca

ti può interessare anche

Ma quanto è bella BOLOGNA!

Le meraviglie della VALSAMOGGIA (BO)

Visite: 3264
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Cosa vuoi cercare ?
Seguimi su Facebook

Patrizia Pazzaglia, Patty dopo un po’.

Sono versatile, camaleontica e un po’ nevrotica. 

Una come tante.  Nessuna grande passione, ma so appassionarmi.

Prendo tutto molto sul serio e in tutto quello che faccio, se mi interessa, ci metto impegno e dedizione.

Scarsamente tecnologica, diversamente social.

Mi piace condividere, mi piace ascoltare, esprimermi, se è il caso, e stupirmi.

Mi piace vivere intensamente e andare in profondità delle cose che mi interessano e lasciare andare ciò che non mi serve (anche se con difficoltà).

Mi piace lasciarmi contagiare dalla bellezza e dalle emozioni e..naturalmente viaggiare, fuori e dentro di me, col corpo e con la mente (ma anche con lo spirito).

Perchè la vita è un gran bel viaggio.