Viaggi di testa e viaggi nel mondo

Viaggi di testa

Viaggi di testa

Viaggiare con ragazzi adolescenti

 

 

E’  possibile viaggiare, aggiungo, felicemente, o quantomeno in pace, con figli adolescenti, ovvero, dagli 11 ai .. 17 anni, o fintanto che si riesce a portarli con sé??

Per la mia seppur breve esperienza, credo che occorrano 3 cose: educazione al viaggio, alcuni accorgimenti, e anche c..o, ovvero fortuna!

L’adolescenza è un periodo difficile per tutti, sia per chi lo vive, che sta affrontando una trasformazione e deve mettere alla prova se stesso e il mondo (e i genitori soprattutto) sia per chi ..la subisce, ovvero la famiglia! Che vede tramutare il piccolo dolce cucciolo di casa in un qualcosa che spesso non riconosce, che si rivolta come un serpente, che si comporta come un indemoniato, che vuol fare cose per noi senza senso e turpi, e che non ci aspettiamo.

Abituare fin da piccoli i bambini a viaggiare, sicuramente è d’aiuto, perché, nonostante venga spezzata la loro vita routinaria, in favore di qualcosa di sconosciuto, e vengano staccati dai loro riferimenti per un po’ di tempo, possono imparare che l’incognito puo’ anche essere piacevole, divertente e interessante. Si puo’ cosi’ alimentare la curiosità, che è sempre una sensazione vitale.

E’ questo che intendo con “educare” al viaggio: sviluppare lo spirito di adattamento e la curiosità per il nuovo.

 

 

E’ ovvio che sopraggiunta la fatidica età, per istinto di ribellione, possano essere scocciati di lasciare casa, amici, luoghi frequentati, o semplicemente vorrebbero restare perché si divertono di piu’ con le loro abitudini e nel loro conosciuto. Possono manifestare più di un bambino piccolo, che lo si puo’ distrarre meglio, il loro dissenso, e fare ostruzionismo a partenze o movimenti. Con musi, mutismi e rispostacce, che, almeno a me, a volte mi fan scattare ferocemente i nervi: sembra che ci vogliano far pagare caro il fatto di strapparli alle loro “cose”.

 

 

Ecco che qui l’educazione al viaggio serve anche a noi, nel senso che, visto che siamo messi alla prova nella nostra capacità di mettere confini, non dobbiamo mollare ai loro capricci di adolescenti, come non dovevamo mollare quando erano bambini. Cercare di ascoltare,  mediare e dialogare, pur mantenendo la fermezza, sarebbe sempre la cosa migliore. Cosa che io lascio fare al padre, che è piu’ bravo di me :).

 

 

Eppure diventa importante farli ricredere, questi ragazzi, dimostrare loro che li conosciamo e sappiamo anche quali sono le cose che piacciono a loro, per conquistare ancora un po’ di fiducia. Devono sentirsi compresi anche per quello che non dicono.

E qui entrano in ballo gli accorgimenti che possono aiutare. Posso parlare di quelli che per me si sono dimostrati efficaci durante viaggi e vacanze.

 

 

Intanto la scelta della meta, che deve essere possibilmente attraente anche per l’adolescente. Una meta desiderata oppure qualcosa che immaginiamo possa sorprendere, stupire, (che noi possiamo supporre che piacerà, anche se lui/lei non dimostra interesse o snobba, perché non conoscendo non puo’ immaginare) e destare curiosità.

Come?

Parlando della meta e delle attività entusiasmanti che lo aspettano, facendo mettere in moto la sua immaginazione.

Incontreremo comunque sguardi di sufficienza, diffidenza, risposte disinteressate o arroganti, ma intanto abbiamo gettato un semino.

 

 

Scegliendo accuratamente i posti dove fermarsi e gli alloggi, che dovrebbero essere almeno un pò intriganti o particolari.

 

 

Coinvolgendo nella preparazione del viaggio, mostrando foto delle località che si visiteranno, parlando di luoghi, di episodi accaduti, vedendo film inerenti la meta, cercando qualche aggancio con qualcosa che conoscono o a cui sono interessati. In questo modo è possibile che si carichino un minimo, e che affrontino meglio tutto il resto.

 

 

Nel corso del viaggio è importante  poi prevedere tappe con attività che si immagina possano piacere o essere interessanti o divertenti per  l’adolescente: l’uso di mezzi di trasporto particolari, barca, tuc tuc, auto d’epoca, hip on hip off bus, cavallo, calesse, bicicletta, risciò, seggiovia, funivia o simili; attività adrenaliniche: percorsi avventura, zip line, battute di pesca, parchi giochi tematici o acquatici, salite su grattacieli; visite a mostre o musei interattivi, mercatini, negozi o quartieri particolari, luoghi con animali.

 

 

Altra cosa, che ho visto essere saliente, è avvisare in anticipo, quando si sa che può esserci qualcosa di non gradito. In questo modo eventuali rimostranze, vengono fuori subito e al momento di affrontare la cosa sgradita sono preparati e magari si lamentano meno e si possono organizzare per tenersi impegnati o cercare di affrontare la cosa in maniera diversa.

Durante un viaggio poi, può accadere che ci siano tempi morti o momenti noiosi per loro, o anche semplicemente momenti di relax: è importante stimolarli a cercare intrattenimenti da portare come passatempo (e-reader, libri, musica, giochi, carte, parole crociate, ecc. -es per i lunghi viaggi in auto, che odia, mia figlia si organizza ascoltando musica o leggendo e-book).

 

 

Ultima cosa, ma non meno importante, è il fatto di cogliere l’opportunità di trascorrere del tempo col padre, che è una figura di fondamentale rilevanza, soprattutto in questa fase. Di riferimento, di autorità, di confronto, che mette i confini, che trasmette insegnamenti e valori, che media e che puo’ placare i conflitti con la figura materna.  Tempo di qualità, che puo’ essere disponibile in vacanza, da utilizzare per fare delle cose insieme, e, per il genitore, per conoscere il nuovo essere che sta diventando il figlio.

 

 

Detto questo, bisogna comunque mettere in conto che ci saranno sempre momenti in cui l’adolescente si lamenta, dice che si annoia, si ammutolisce; momenti in cui non va bene niente, che non gli va di  fare quello quello che abbiamo programmato, momenti in cui esplode la rabbia, da ambo le parti.  E’ tipico di questa fase, succede in viaggio come a casa. Fortunatamente, proprio perché si è in vacanza, può passare prima, basta trovare un motivo di entusiasmo, come vedere un qualcosa di bello, fare qualcosa di interessante, distrarsi dal conflitto. E ricordare che loro sono gli adolescenti, e noi gli adulti.

 

 

agosto 2019

Visite: 28

Miami Beach, Florida

 

 

Col bus 120 arriviamo da Miami Downtown a Miami South Beach, passando per il lungo ponte, che collega la terraferma alla striscia di terra che si trova di fronte a Miami. Il bus percorre gran parte di Miami beach e quindi diventa anche un giro panoramico, e ha una fermata proprio davanti al National Hotel che ho prenotato, sulla elegante Collins Avenue, a pochi passi dalla famosa Ocean Drive, il lungomare di palme davanti all’Oceano, ricco di locali, boutique, alberghi ed edifici in stile art deco’.

 

      

Il National Hotel, uno dei primi hotel di South Beach, costruito nel 1939, svetta alto nel cielo e ci si presenta davanti in tutta la sua maestosità ed eleganza

 

 

Perfettamente ristrutturato e mantenuto, alloggiare in questo hotel è stato come stare in un museo dell’art deco’, con un’atmosfera unica, dovuta a tutti i particolari ricercati, che ti rimandano indietro nel tempo, con un’eccellente servizio. E’ stata una vera sorpresa e ha superato di gran lunga le mie aspettative.

 

 

La scelta è ricaduta su questo hotel, dopo che avevo inizialmente prenotato un altro albergo sulla Ocean Drive, ma che ho scoperto in seguito essere stato oggetto di una puntata della trasmissione Hotel da incubo!! Il Penguin hotel, ristrutturato di recente e con buone recensioni, è veramente in ottima posizione vista mare, ma per non non rischiare di avere qualche lamentela, ho provveduto a cancellare all’ultimo momento la prenotazione, anche per non lasciare Miami con una brutta ultima impressione. E comunque la differenza di prezzo non era poi cosi’ pazzesca (con una bella offerta Orbitz), per quanto invece la differenza di stile! Consiglierei il National hotel mille volte!!

 

 

Il National Hotel l’ho scelto principalmente per la sua  stretta ma lunga piscina, 62 metri, (in verità ce ne sono due di piscine) inserita in un meraviglioso giardino con piante tropicali.

 

 

Oltre a bellissime aree relax, ha ingresso diretto sulla spiaggia, dove si puo’ usufruire anche delle loro tende per l’ombra.

 

 

Entriamo nell’hotel e siamo invasi da un profumo buono e intenso. Tutt’ intorno, nella hall, quadri in bianco e nero di attori e personaggi famosi che sono stati ospitati, e un biliardo. Mobili scuri, lucidi, un pianoforte, ed oggetti eleganti come soprammobili. Il bagno ha le pareti disegnate come il mantello di un tigre.

 

 

Sulla porta dell’ascensore è disegnato un abito che si divide in due all’apertura. Vicino all’ascensore un vecchio apparecchio telefonico a rotelle.

 

 

In camera, ci attendono sul letto bellissime coperte maculate. Molto kitch, ok, ma nell’insieme stanno benissimo. Sembra di essere in un film anni 40. Mi aspetto quasi nella hall di vedere il pianista e che qualcuno gli dica “Play it again Sam!”  ah ah ah 🙂 ( cit. film Casablanca)

 

 

Andiamo subito a tuffarci in piscina, a fare un bagno, uno dei tanti che ci aspettano in queste 2 giornate.

Per cena andiamo all’11th street Diner, sulla undicesima strada appunto, molto particolare perchè è un enorme food truck color metallo, tipico americano, che ricorda al suo interno i ristoranti che si vedono nei film anni 50, con le poltrone rosse, stile American Graffiti, con cibo ottimo, hamburger veramente eccezionali. Per arrivarci percorriamo un lungo tratto della Collins Avenue e poi prendiamo la 11st steet, in direzione Washington Avenue.

Dopo cena andiamo verso la vivacissima e latina Espaniola Way, e capisco come mai si chiama cosi’, con i suoi tipici edifici mediterranei e ristoranti italiani: di nuovo un posto molto diverso da tutti gli altri, qui a Miami!!

 

 

Non possiamo mancare la passeggiata sulla Ocean Drive, la via del passeggio nell’Art Déco Historic Districts,  per ammirare oltre ai famosi edifici anni 30, con facciate bianche e color pastello, anche le persone che la popolano e le auto che circolano!!! Passiamo di fronte alla famosa Villa Casaurina, in passato casa di Versace, ora un boutique hotel, ma l’edificio che piu’ mi è piaciuto è il Betsy hotel, in uno stile che ti riporta proprio indietro in quegli anni.

 

 

Torniamo verso il National Hotel, la lunga piscina è illuminata con luci colorate che si alternano, ed è una meraviglia. Io e Giada decidiamo di fare un bagno notturno, anche se sono già le 23, la piscina è aperta e vuota, non possiamo perderci una simile occasione! Ci infiliamo il costume e ci buttiamo in acqua sotto il cielo stellato e le palme attorno, con le luci colorate che illuminano i nostri visi, sorridenti e contenti per tanta bellezza. Nuotiamo e ci fermiamo a guardare, chiacchieriamo, complici, e ci godiamo momento per momento quel lungo bagno… non vorremmo piu’ uscire da quell’acqua tiepida, e non vorremmo che finisse mai, questa serata.

 

 

La mattina dopo, mi alzo di buon ora per passeggiare sulla spiaggia di Miami Beach, mentre la famiglia dorme ancora. Vedo le persone correre o passeggiare sui vialetti con le palme che portano al mare, proprio come nel mio immaginario.

 

Sulla spiaggia di Miami, enorme e vuota, spiccano le cabine con i colori colori vivaci delle cabine dei Lifeguards, ancora disabitate e illuminate dalle prime luci del giorno.

 

 

Il mare purtroppo non è bellissimo, ci sono un po’ di alghe e i temporali degli ultimi giorni l’hanno reso un po’ mosso. Non è facile a Miami trovare il bel mare cristallino che si vede in certe foto.

 

 

Guardo gli hotel che si affacciano su questa spiaggia, quelli piu’ moderni e quelli d’epoca e il mare infinito, ed è veramente uno spettacolo che non mi aspettavo.

Ritorno indietro dalla mia passeggiata sulla spiaggia per il Lummus park e costeggio Ocean drive con il sole del mattino. Vado a svegliare la famiglia e andiamo a far colazione di fronte al nostro hotel, senza saperlo siamo di fronte a Rosetta Bakery, una famosa pasticceria italiana, ottime brioche, cappuccino, succo a piu’ di 30 dollari! Ma del resto, qui questi sono i prezzi.

 

 

Mentre marito e figlia tornano in hotel a prepararsi, io vado ancora in giro, vado a vedere la Lincoln Road, che diventa piacevolmente pedonale ed è piena di negozi..pieni di saldi..peccato proprio aver poco tempo!!

Ma la nostra bella piscina ci aspetta ancora, dopo il check in possiamo restare fino alla partenza e oggi vogliamo prenderci una giornata di relax, riposarci e godercela tutta, sulla spiaggia fa troppo caldo e quella è un’oasi troppa bella..

 

 

Per le 19 prendiamo l’autobus 150 per l’aeroporto, che ferma proprio davanti al nostro hotel. Nell’attesa mi guardo ancora intorno e passeggio un pò, l’atmosfera di South Beach mi incanta proprio..

 

 

In poco meno di mezz’ora siamo all’aeroporto, come sempre ho un peso al cuore.. non solo perchè le nostre vacanze sono terminate, ma perchè anche di Miami ho adorato tutte le sue mille sfaccettature.

E so già che ci vorrei tornare.

 

 

Intanto, anche quest’anno (perchè sono solita a queste “coincidenze), il caso ha voluto che uscisse una canzone, che descrive tante delle mie sensazioni vissute a Miami..

 

 

 

 

Luglio 2019

 

 

tutti gli articoli sulla Florida

 

Florida, USA

 

 

 

Visite: 53

La strada verso casa

 

 

Siamo tutti alla ricerca di una strada che ci riporti a casa.

Forse facciamo tanti viaggi, proprio per tornare a casa.

Non importa che casa sia il luogo di partenza, o dove abbiamo quattro mura nominate come tali, dove ci siano le nostre origini, le nostre radici, o le nostre sicurezze.

Casa è ogni posto che ci ricongiunge con noi stessi, e ci riporta dentro al nostro cuore.

Che ci riporta all’io piu’ vero, alla nostra essenza, e che ci libera da quelle zavorre che sono le sovrastrutture che ci ricoprono, e dalle nostre protezioni.

Che ci riporta alla nostra capacità di sentirci connessi con la vita che ci sta attorno. Che non è un mondo virtuale o fatto di dialoghi interiori.

Che ci porta la capacità di vedere, di sentire con le orecchie, con i sensi e con tutta l’anima. Di sentirci parte di qualcosa, che scende dal livello della testa, e che non ha bisogno di parole.

Che ci riporta a deporre le armi e a restare a guardare.

Quel posto dove ci si puo’ fermare a riposare e contemplare.

Quel posto dove andare oltre noi stessi. Dove pensieri ed emozioni possono correre liberi.

Quel posto dove la fiducia, anche quella tradita, dissipata, calpestata, viene imprescindibilmente naturale.

Per quel po’ che basta. Oppure no.

Siamo tutti alla ricerca di una strada, nel tentativo di tornare a casa, anche quando la strada si scopre che è sbagliata. 

Siamo tutti alla ricerca di una strada, col desiderio forte di tornare a casa, ovunque sia casa.

 

 

 

settembre 2019

 

Visite: 55

Lode al mio mare

 

 

 

 

Ti affido i miei ultimi frammenti di buonumore prima del lungo inverno, i momenti di pace, che tra poco svaniranno nel freddo e nel buio, nella stagione dell’attesa di tempi migliori e di giorni di sole e di luce.

Non importa che tu non sia quello che vorrei, chiaro, limpido, azzurro, caldo. Che tu non possa farmi sognare e far toccare la bellezza con gli occhi.

Anche se non sei come io ti vorrei, ti vengo a cercare, bisognosa di te per rinascere ancora un po’, per respirare un attimo di più. Perchè tu plachi, per un attimo, le mie angosce, e la mia fame di sensazioni vitali, inebrianti, e anche l’oblio, cio’ che pesa e da cui è difficile sfuggire..

Tu che sei movimento perpetuo che contrasta la stasi. L’andare e il ritornare.

L’importante è che io possa udire il tuo canto, sentire il tuo profumo, cullarmi nelle tue onde. Che tu possa far volare via i miei pensieri cupi, per un po’, farmi sognare di stagioni che ritornano e di occasioni non ancora perdute, di speranze non ancora sepolte, di sogni non ancora nati o coccolati nel loro nido accogliente.

L’importante è che tu ci sia, che tu sia un posto dove poter tornare, dove l’anima possa posarsi e trovare riposo per un pò. Dove gli occhi possano guardare l’infinito, e i confini possano essere annullati, per colmare distanze, per fantasticare di incontri.

Per fortuna che esisti tu, con la tua voce, il tuo ritmo incessante, rassicurante, che mi ricorda che tutto svanisce e che tutto torna.

Per fortuna che esisti tu, mare, oceano, infinito, amico, fidato e fedele.

 

 

 

 

Ma guarda intorno a te
Che doni ti hanno fatto
Ti hanno inventato il mare

…meraviglioso

 

 

 

 

 

settembre 2019

 

foto di Patty

Visite: 53

Settembre

 

Settembre mi fa venire l’ansia.

L’ansia dell’inverno che arriva, del freddo, delle poche ore di luce, della mancanza di voglia di uscire e di fare cose e nello stesso tempo della voglia di scappare in un paese caldo, con la consapevolezza di non poterlo fare.

Settembre col peso dei limiti del freddo, della scuola, degli impegni.

Settembre è un mese di ricordi e nostalgie indesiderate.

La tristezza di dover chiudere le finestre, che mi riporta al chiudermi alle possibilità che invece offre il tenermi aperta al mondo, perchè poterle aprire significa alzarmi al mattino e respirare, contattare il verde, l’azzurro, l’aria, la vita intorno.

Settembre e le giacche, le scarpe chiuse, il cambio degli armadi, le giornate sempre più corte.

Settembre mi proietta verso il mio letargo, quella gestazione che mi pare inutile, mi scaraventa in quella specie di nostalgia anticipata con le ultime giornate di sole, che non possono essere sprecate, ma che invece puntualmente lo sono, perché si fa altro che viversele.

Settembre mi da l’illusione di promesse che non può mantenere. Mi ricorda la caduta delle mie aspettative, l’obbligato cammino verso qualcosa di inevitabile e che non mi piace.

Non serve dirsi che è il corso naturale delle cose, raccontarsi della fine e poi dei nuovi inizi, bisogna attraversare anche quel momento, come la notte buia dell’anima, prima che arrivi di nuovo il giorno. Ma più vado avanti e meno tollero l’avvicendarsi delle stagioni.

Eppure non c’è nulla che le fermi, le stagioni, se non confortarsi con uno scorcio di primavera o di estate in mezzo al grigio, ai brividi di freddo, ai vestiti che scaldano, ai sogni di paradisi lontani.

E ascolto una vecchia canzone, Settembre appunto,…e no, io non sono pronta. Troppo lontana la primavera, e non posseggo l’armatura per aprire la porta e far entrare il nemico.

L’unica cosa che so, è che dovrò aspettare, anche se ogni anno mi domando se saprò farlo..

 

Ahi settembre, mi dirai quanti amori porterai
le vendemmie che faro’, ahi settembre tornero’.
Sono pronto e tocca a me, l’aria fresca soffiera’
l’armatura non l’avro’, ahi settembre partiro’.
Mentre il giorno sparisce primavera verra’
sara’ dolce e nervosa ma non mi scappera’
saliro’ sul battello e non la fuggiro’
saro’ avvolto per sempre e la bacero’
e i suoi lunghi capelli non li rivedro’ piu’
ahi settembre lontano, dalle un bacio per me.

Lascio tutto a te, dille del mio amore
dille che se puo’ io potro’ aspettare
l’accompagnero’, dentro il mio giardino
sempre la terro’, da vicino, sempre, sempre.
Ed un giorno mi disse entra ti aspettero’
ma il nemico da sempre si cattura cosi’
apri bene la porta, fallo entrare da te
lei l’ha fatto settembre, lei l’ha fatto con me
e se nella tua testa un rasoio terra’
tagliera’ i miei pensieri come e quando vorra’
usera’ i suoi capelli, io la pettinero’
e prima che sia settembre il mio sangue daro’.

 

 

 

 

 

settembre 2019

Visite: 73

Wynwood walls a Miami

  

 

A pochi minuti dal centro di Miami, si trova il Wynwood walls, esattamente al 2520 NW 2nd AveMiami, FL 33127-4306, dove sono esposte opere meravigliose di street art, murales, graffiti, e altre opere particolari, all’interno di quello che è diventato il piu’ grande street art museum del mondo, che fa parte del Wynwood art district, nell’omonimo quartiere.

 

 

Il quartiere, che è stato riqualificato alla fine degli anni 2000, era un’area industriale in decadenza e non raccomandabile, abitato principalmente da portoricani. Ora è un magnifico museo a cielo aperto e gratuito. Perfino i parchimetri sono decorati.

 

 

Arrivando nel quartiere, tutt’intorno, sui muri, vi possono scorgere murales, anche enormi, che ti catturano: vale la pena passeggiare e lasciarsi entusiasmare da tanta bellezza.

 

 

Il Wynwood walls è uno spazio dove ci sono, oltre a graffiti e murales, gallerie d’arte con riproduzioni bellissime di famosi artisti che le hanno dipinte in diverse parti del mondo, e altre opere di estrema originalità.

 

 

Appena arrivati eravamo estasiati da tutti quei colori!

 

 

Io sono rimasta incantata dalla creatività che avevo davanti agli occhi!

 

 

Ovviamente le foto qui si sono sprecate 🙂

 

 

Nelle gallerie la creatività dà il suo massimo

 

 

 

Alcune riproduzioni sono state un colpo al cuore, come quella di Gandhi e Madre Teresa, o di Nelson Mandela.

 

 

Alcune sono un colpo allo stomaco.

 

 

Alcune sono divertenti

 

 

Mi sono piaciute in particolar modo quelle di Eduard Kobra, artista brasiliano,che dipinge con colori sgargianti e grafiche geometriche e caleidoscopiche, dando l’illusione del 3d, ispirandosi anche a personaggi della politica, della cultura, della musica e aggiungendo la sua interpretazione personale.

 

 

I suoi murales si trovano in parecchie città del mondo, anche a Roma ha disegnato il volto di Malala Yousafzai, studentessa pakistana, all’esterno del MAAM, il Museo dell’Altro e dell’Altrove di Roma di via Prenestina (al 913), e perfino sulle Alpi Apuane, dove ha disegnato un David di Michelangelo in mezzo al bianco di una cava di marmo.

Le sue opere trasmettono veramente potenti emozioni, alcune mi hanno fatto venire i brividi.  Qui il suo profilo instagramm https://www.instagram.com/kobrastreetart/?hl=it

 

 

Cosa c’è di piu’ bello per una ragazza che fa l‘Istituto d’arte che vedere un museo del genere?

 

 

Lascio parlare alcune immagini, difficile poter esprimere a parole ciò che le opere trasmettono.

La foto sotto rappresenta come mi sentivo al termine della visita.

 

 

Gratitude.

 

 

luglio 2019

 

gli altri articoli sulla Florida

Florida, USA

 

 

 

Visite: 122

Bologna, 2 agosto 1980

 

 

Io c’ero quel 2 agosto 1980.

Avevo 15 anni, l’età che ha ora mia figlia e abitavo in provincia di Bologna.

E forse, per la prima volta, con coscienza e incredulità, vedevo quanto poteva essere cruda e improvvisa la morte, quanto straziante potesse essere il dolore, quanto potesse essere difficile dare un senso a simili gesti dell’uomo. Quanto il destino poteva attenderti al varco, quando era scoccata la tua ora.

Chissà perché quando qualcosa succede dalle tue parti, ti tocca di più. Forse perché e piu’ vicino e pensi che in fondo potresti esserci stata anche tu, in mezzo al disastro.

Si sentivano sirene ovunque quella mattina. Una mia amica mi disse che il fratello, in servizio militare, era dovuto andare alla stazione a prestare soccorso, perché era esplosa una bomba. Poi ho sentito la notizia al telegiornale, visto le immagini della distruzione di una parte della stazione della mia città, il caos piu’ totale, tra i frammenti di calcinacci ovunque, e soprattutto, saputo di tanti feriti e morti, che stavano cercando di recuperare sotto la macerie.

Persone che il destino aveva portato li’,  in quel preciso momento, dove avevano trovato la morte. Li’, per caso, o di passaggio, o arrivate a destinazione, o in attesa di partire, o di una coincidenza.

 

 

Persone che stavano andando in vacanza, perché era il primo sabato di agosto, o che stavano tornando a casa, dai propri cari. Famiglie. Bambini. Anche ragazzi, come me, con i miei 15 anni di allora e di mia figlia oggi. Italiani e anche tanti stranieri.
Bologna è uno snodo importante per il trasporto ferroviario, e chi ha colpito, ha proprio intenzionalmente voluto provocare il massimo numero di vittime. Accertati, 85 morti e 200 feriti. La strage con piu’ alto numero di vittime nella storia del nostro Paese dal dopoguerra.

 

 

Un boato tremendo e uno scoppio, che fece arrivare frammenti fino al treno in sosta al primo binario. Il crollo dei muri delle sale d’attesa di prima e seconda classe nell’ala ovest, dove ora rimane lo squarcio.

Un autobus della linea 37 fu reclutato come carro funebre, per i corpi martoriati dalle macerie o i loro resti.

Decine di persone a prestare soccorso, a scavare sotto il caldo, tra i detriti.

Un evento del genere ti sconvolge sempre, tanto piu’ se avviene nella tua città. Ti sembra veramente troppo vicino.

Si stava attraversando un periodo bruttissimo in quegli anni, di contestazione, sfociata nella lotta armata e nel terrorismo. Insensato ai nostri occhi, come lo sono sempre cose come queste, che provocano vittime innocenti.

E ancora oggi ci si chiede: ma perché? E chi ha architettato tutto?

Sono stati condannati gli esecutori della strage, tra cui un minore, cosa tristissima, ma non i mandanti.  Sono state seguite varie piste, operati depistaggi, ma ancora le domande restano e anno dopo anno si ripropongono. Senza risposte.

L’orologio sopra alla stazione, fermo alle 10.25, la triste ora dello scoppio, ricorda a tutti quelli che passano quel terribile giorno e induce a domande a chi passa e non sa.

 

 

E noi di Bologna, proprio perchè piu’ vicino, ogni anno riviviamo, ricordiamo, ripensiamo, ci domandiamo. Perché non si puo’ e non si deve non sapere, non si puo’ e non si deve dimenticare. Anche i più giovani, come mia figlia, devono conoscere la storia, affinchè si crei in loro, che non c’erano, una memoria, affinchè si crei una coscienza, un senso critico, che vada a contrastare simili atti.

E affinchè, anche loro, imparino a pretendere che sia fatta giustizia, per qualsiasi brutalità o atto di mancanza di rispetto per la vita.

 

 

 

2 agosto 2019

 

 

consiglio la visione del film di Luciano Ligabue “Da 0 a 10” https://www.youtube.com/watch?v=nGSJbdLL2MU

intervista a Luciano Ligabue https://www.youtube.com/watch?v=XLfzbfi6Xh4

 

https://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cronaca/foto/strage-stazione-due-agosto-1.90076

 

 

Visite: 154

Oggi mio padre compie 80 anni

 

 

Oggi mio padre compie 80 anni.

 

Mi ha cresciuta, ha lavorato per me, mi ha trasmesso i suoi valori, ha fatto tutto quello che poteva e riteneva giusto, con onestà e umiltà.

Ho ereditato da lui il senso pratico e la creatività, lui è uno che sa trasformare, aggiustare, recuperare tutto.

Ho ereditato il senso del dovere e di responsabilità.

Ho ereditato l’essere testarda e permalosa, ma anche la capacità di restare integra e non cedere a facili compromessi.

Ho ereditato la tenerezza e la capacità di entusiasmarmi, l’amore e l’attenzione per le piccole cose e creature.


Ha dovuto attendere un bel po’ prima di diventare nonno, ma quando è arrivato il momento, credo che per lui sia stata la gioia più grande. È stato il nonno portatore delle antiche memorie, riferimento affettivo, amato e importante, come lo sono i nonni per i nipoti. 

Giada ha la passione per Harry Potter, amico di tempi bui, e il primo libro glielo ha regalato, in tempi non sospetti, proprio il nonno, forse per caso. Il nonno è nato il 31 luglio e anche la Rowling, autrice di Harry Potter, è nata il 31 luglio e ha fatto nascere Harry il 31 luglio, e forse non è un caso.

 

 

Oggi mio padre ha compiuto 80 anni.

 

La torta che gli ho fatto, il ritratto di Giada, la festa a sorpresa con i suoi fratelli, l’emozione discreta, la gioia evidente.

E il suo sorriso, che mi porto nel cuore, e, con orgoglio, sulla mia faccia.

 

 

 

31 luglio 2019

 

 

 

 

 

Visite: 95

Davanti alla morte

 

 

 

 

Davanti alla morte c’è chi cerca una parvenza di normalità, facendo le solite cose.

Davanti alla morte c’è chi fugge, e chi ha paura che la vita sia meno forte di lei.

Davanti alla morte c’è chi è costretto a restare, e a fare i conti con la mancanza, l’impermanenza delle cose terrene, e il senso di vuoto.

Davanti alla morte c’è il silenzio, le urla, il pianto, c’è chi ricorda, chi ride, chi mangia, chi abbraccia, per sentire la vita.

Davanti alla morte c’è chi scrive una lettera per accomiatarsi, chi tiene dentro il dolore, chi accetta o chi rigetta.

Davanti alla morte c’è chi la trova ingiusta, chi non ci trova un senso, chi la trova una liberazione, chi comprende che è il normale corso della vita, ma soffre ugualmente.

Davanti alla morte c’è il dolore di chi resta, la pace di chi va, le tracce lasciate dal passaggio sulla terra, la traccia lasciata nella tua vita.

Davanti alla morte diventano futili e stupide le lotte di potere, l’invidia, l’ego, le idiozie, le rivalse, la cupidigia.

Davanti alla morte c’è un pezzo di te che se ne va, non solo dell’altro, ma della tua identità, quello che tu eri con lui. E un pezzo mancherà sempre.

Davanti alla morte, l’unica cosa che resta è il sole, gli alberi, il cielo, il mare, lo sguardo dei tuoi amori e affetti, le mani delle persone, il respiro, i desideri, il piacere, il battito del tuo cuore. Davanti alla morte.

 

Davanti alla morte sei sempre solo, anche se hai tante persone vicino.

 

E non sei soltanto davanti alla morte, ma davanti alla realtà, nel bene e nel male, di avere una vita.

 

Che va avanti e che devi onorare.

 

 

 

 

 

luglio 2019

 

foto di Patty

 

Visite: 170

La libertà di sbagliare

 

 

Ho spesso avuto paura di sbagliare. Tanta incertezza, tanta insicurezza.

Talvolta sono rimasta paralizzata, incapace di decidere, per timore di prendere la decisione sbagliata. E anche quando l’ho presa, la decisione, mi sono quasi sempre ritrovata a ripensare, tornare sui miei passi, essere assalita dei dubbi. Per poi magari confermare che la prima fosse la scelta giusta!

Certo, sbagliare non piace a nessuno, far le cose bene subito, prendere le giuste decisioni, adottare il giusto comportamento in tempo reale, sarebbe auspicabile. Ma siamo umani, no?

A volte addirittura ho pensato che la cosa migliore che mi potesse aiutare a decidere fosse abbandonarsi alla sorte e tirare una monetina: se il risultato mi avesse deluso, allora avrei saputo che quella non era la decisione giusta!

Credo che la paura vera sia sempre stata che, una volta presa una decisione, questa potesse essere irrevocabile. Che mi vincolasse per sempre (o per l’evento) e potessi rimanere incastrata in qualcosa che, magari, in seguito, mi accorgevo che non volevo.

Ancora oggi sono un’eterna dubbiosa. Rifletto, decido, rivedo, faccio colonne di vantaggi e svantaggi, analizzo, calcolo, dimenticando che la giusta decisione è spesso quella che senti, difficilmente quella che prendi con la ragione, esaminando ogni dettaglio.

Ma mi accorgo che il mio approccio ora è diverso. E’ come se avessi capito che mi è consentito sbagliare. Tornare sui miei passi. Cambiare la mia decisione. A volte ha un costo, ma spesso una decisione non ti lega per sempre. Spesso c’è possibilità di rimediare, un’alternativa. Non è questione di vita o di morte, come la sensazione che avevo in passato. E non perdo di dignità se cambio idea. A volte è proprio sbagliando che ci si accorge di ciò che si vuole (ovviamente quando parlo di sbagliare intendo restando nell’ambito della legalità).

E’ per questo anche che amo non aver padroni, persone che mi vincolino, voglio sentirmi di libera di sbagliare.  E capire. E imparare. Di cambiare idea, qualora, perdendo il contatto con me stessa, sbagliassi. O se, distratta dai rumori del mondo e della testa. E poi, nel caso, di riparare

Piu’ che altro, voglio sentirmi libera di agire con disinvoltura, cosa che non riesco a fare se sento il parere giudicante di qualcuno o il sentimento di conseguenze infauste che si possano abbattere. Non è facile, se per una vita si è dovuto convivere con tali sensazioni. E una su tutte: la paura di essere sbagliati.

Puo’ capitare che qualcuno non tolleri i tuoi errori, non perdoni i tuoi sbagli. E’ un rischio che si corre, ma ci si può impedire di sbagliare? Vivendo, non credo.

E allora, credo sia importante comprendere che ci si può sentire liberi di agire, sapendo che può capitare di sbagliare. E che ci si può anche perdonare o chiedere perdono per questo.

D’altro canto “errare” non ha come unico significato “sbagliare”, ma anche “andare qua e là senza direzione o meta certa“, cosa di cui, talvolta, c’è bisogno, per vivere un po’ con  leggerezza.

E  allora, benvenuta anima errante!

 

 

 

 

giugno 2019

 

foto pixabay

 

altri articoli sull’argomento

 

Il ragionevole dubbio

 

e tanti altri, guarda qui

https://www.unanimainviaggio.it/pensieri-e-parole/

 

 

Visite: 177
Cosa vuoi cercare ?
Seguimi su Facebook
Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
  • #unanimainviaggio #sirmionedelgarda #sirmione #gardalake #lagodigardaofficial #termedisirmione #terme #relax #relaxing #igers #vivo_italia #igworldclub #lake #friends #friendship #aquaria #terme #blogger #beautifulphoto #photolovers #beautifuldestination #beautifulmoments #beautifulday #autumn #sunnyday @termedisirmionehotels
  • #sirmione sul #lagodigarda è un posto a me molto caro, dove sto bene. 
Ultimamente vado con le mie amiche, con le quali siamo solite andare qualche volta durante l'anno alle #terme, quando riusciamo a prenderci paio di giornate per staccare. Lo troviamo tutte di una #bellezza unica, perché unisce l'atmosfera del paesino sul #lago alle stupende #termedisirmione #aquaria.
Ci piace alloggiare all'hotel @termedisirmionehotels Promessi Sposi, tutto colorato sul lago, che si vede prima di entrare dal ponte del paese, anch'esso con piscina termale e spa.
Nei giorni scorsi scorsi, il tempo ci ha regalato un tramonto meraviglioso mentre eravamo alle terme: goderselo dalla piscina a sfioro sul lago o dalla sauna è stato stupefacente.
Stavolta abbiamo fatto anche un giro in barca di tutta la penisola, vedendo da una diversa prospettiva le grotte di Catullo, già visitate in passato, un posto meraviglioso🤩, e il castello scaligero. E abbiamo scoperto anche la stupenda #jamaicabeachsirmione , raggiunta con una bella passeggiata lungo il lago, di cui foto nel post di ieri ..
What else, quando si può ridere insieme e condividere la bellezza?

#unanimainviaggio 
Di Sirmione avevo anche scritto qui

https://www.unanimainviaggio.it/sirmione-meraviglia-tra-lago-archelogia-e-terme/

Delle terme visitate con le amiche qui

http://www.unanimainviaggio.it/giornata-alle-terme-con-le-amiche/

#gardalake #lagodigardaofficial #friendship #liveauthentic #vivo_italia #igworldclub #blogger #beautifulphoto #photolovers #beautifuldestination

Seguimi!

Chi sono

Patrizia Pazzaglia, Patty dopo un po’.

Sono versatile, camaleontica e un po’ nevrotica. 

Una come tante.  Nessuna grande passione, ma so appassionarmi.

Prendo tutto molto sul serio e in tutto quello che faccio, se mi interessa, ci metto impegno e dedizione.

Scarsamente tecnologica, diversamente social.

Mi piace condividere, mi piace ascoltare, esprimermi, se è il caso, e stupirmi.

Mi piace vivere intensamente e andare in profondità delle cose che mi interessano e lasciare andare ciò che non mi serve (anche se con difficoltà).

Mi piace lasciarmi contagiare dalla bellezza e dalle emozioni e..naturalmente viaggiare, fuori e dentro di me, col corpo e con la mente (ma anche con lo spirito).

Perchè la vita è un gran bel viaggio.

Statistiche di Google Analytics
generato da GADWP