Viaggi di testa e viaggi nel mondo

Fuerteventura perchè

 

 

 

Quello che mi piace di Fuerteventura è l’aria che si respira.

Non il vento, che per coloro che ne sono infastiditi è meta sconsigliata, perchè c’è di frequente. Mentre a me sembra che porti via anche i pensieri. 

La sensazione di grande apertura, paesaggi sconfinati, come se non ci fossero ostacoli. Niente di superfluo, linearità e curve dolci, territori incontaminati e spazi selvaggi, spiagge immense e scogliere a picco sul mare.

Lagune calme e mari impetuosi, nel giro di pochi chilometri o anche metri.

Spiagge bianche, spiagge nere, rocce vulcaniche.

Paesaggi africani, paesini bianchi, porti vivaci, panorami mozzafiato, dall’alto dei mirador.

In alcune parti, costruzioni selvagge e paesaggi deturpati, che stonano con la gran parte desertica dell’isola. Ma sono poche zone concentrate.

Pale eoliche, vento che solleva la sabbia, che pizzica sulla pelle, quando è forte. Possibilità di ripararsi nei “corraliti“, strutture circolari di pietra vulcanica a disposizione, dove ti senti protetto.

Patate canarie, Mojo e Ron miel, offerti ad ogni pasto, tapas, paella, pescado top. Una delizia per il palato. Magari di fronte al mare.

 

Fuerteventura è un po’ il nostro porto sicuro. Per questo ci torniamo sempre con piacere.

E quando passa un po’ di tempo che non andiamo, ci manca.

E piu’ ne parlo, piu’ vorrei essere là. A cullarmi nel dolce far niente. Fermare tutto per un attimo.

Un po’ di tepore quando in Italia fa freddo, a poche ore di volo. Vita tranquilla e silenzio.

Che, insieme al paesaggio, mi riempiono l’anima.

 

 

 

 

tutti gli articoli su Fuerteventura

 

Una settimana a Fuerteventura: cosa fare

Fuerteventura: ma che tempo fa?

Fuerteventura, Canarie

Una settimana a Fuerteventura: cosa fare

I nostri alloggi a Fuerteventura e altri consigli pratici

Visite: 3276
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Giuliano
3 anni fa

Ciao Patrizia, mi chiamo Giuliano, vivo a Milano e ho scoperto “le isole” circa 10 anni fa. La prima fu proprio Fuerteventura e ad oggi…..lo è ancora. Ti rispondo mentre ascolto una radio locale di Fuerteventura, quindi mi sento molto ispirato.
Ti ringrazio per il tuo pensiero, mi ha fatto piacere leggere frasi che avrei scritto personalmente.
Questa isola è speciale non per il turismo o per la moda di dire “mollo tutto e vado alle CANARIE”, come sento molto in giro, cercando di riempire vuoti dentro di se cambiando solo il nostro contorno. Questa isola ti appaga, ti attrae per tutto quello che dici te. Ed è vero…dopo un pò ti manca cavoli (questa sensazione che manca qualcosa è spontanea).
La sensazione di libertà, tranquillità che si respira è impagabile.
Mi ricordo la prima volta che andai a Cofete: periodo di lavoro intenso, stressato e sempre con il telefono in mano. Scollino, scendo in questa spiaggia infinita con dietro questo risco enorme. Silenzio, vento, il niente intorno a me e il telefono….non prendeva. E ora? E ora niente, e ora potevo realmente e finalmente sentirmi in pace. Anche se ero in un’isola vicina a noi, attrezzata e non in mezzo alla Namibia. E sì che si stava veramente bene!
Spero che questa magia non si perda, anche se in soli 10 anni è cambiata molto.
Grazie ancora,
Giuliano

7 mesi fa

Sono stata a Lanzarote, anche questa, isola selvaggia e con paesaggi sconfinati, il deserto, i vulcani, la sensazione di una natura dirompente. L’augurio che mi faccio, che ti faccio, che faccio a tutti noi, è di tornare presto a viaggiare.

Cosa vuoi cercare ?
Seguimi su Facebook

Patrizia Pazzaglia, Patty dopo un po’.

Sono versatile, camaleontica e un po’ nevrotica. 

Una come tante.  Nessuna grande passione, ma so appassionarmi.

Prendo tutto molto sul serio e in tutto quello che faccio, se mi interessa, ci metto impegno e dedizione.

Scarsamente tecnologica, diversamente social.

Mi piace condividere, mi piace ascoltare, esprimermi, se è il caso, e stupirmi.

Mi piace vivere intensamente e andare in profondità delle cose che mi interessano e lasciare andare ciò che non mi serve (anche se con difficoltà).

Mi piace lasciarmi contagiare dalla bellezza e dalle emozioni e..naturalmente viaggiare, fuori e dentro di me, col corpo e con la mente (ma anche con lo spirito).

Perchè la vita è un gran bel viaggio.