Viaggi di testa e viaggi nel mondo

I mezzi storici a LISBONA e gli altri mezzi di trasporto

 

 

Una delle cose più belle da fare a Lisbona è divertirsi a salire e scendere dai mezzi storici per visitare la città.

Il tram 28

Il tram 28 è quello conosciuto per eccellenza, che si vede in tante foto della città. È un tram chiamato Remodelado, il primo a circolare su questo percorso fu nel 1914

 

Giallo con gli interni in legno, con solo 28 posti a sedere, quasi sempre affollato, è una vera attrazione turistica, ma anche mezzo pubblico dei locali.

Circola tra i vicoli e le viuzze strettissime del centro storico, per i sette colli su cui la città è costruita, attraversando i quartieri di Baixa, Alfama, Graca, fino ad Estrela. In certi punti del quartiere Graca, le vie sono talmente strette che può  passare solo un tram alla volta e i binari sono quasi sovrapposti.

 

 

Alcuni consigliano, per evitare eccessivo affollamento, di prenderlo ai capolinea, per potersi sedere e fare tutta la tratta: in effetti cambia molto se si sta in piedi o a sedere, da sedere si ha una vista per intero di monumenti e strade

 

 

Per mia esperienza, non consiglierei di arrivare fino al capolinea Estrela (al limite solo fino alla chiesa), dove, tra l’altro, abbiamo fatto parecchia coda per risalire (attenzione: al capolinea bisogna scendere, non si può stare per continuare il giro, ma bisogna rimettersi in fila e ripagare il biglietto)

 

 

Mi fermerei alla fermata della funicolar Bica, e, dalla parte opposta, non andrei fino al capolinea Muni Muriz, ma mi fermerei in Largo de Gracia. Piuttosto attenderei di salire quando si riesce a prendere posto

 

 

Non è così semplice riuscire a capire a quale fermata si è, o in anticipo prevedere le attrazioni o i monumenti limitrofi, la prima volta che si sale

 

 

Noi, con il biglietto giornaliero, abbiamo fatto un primo giro per goderci l’attrazione, salendo alla fermata vicina a Praca do Commercio, 3 strade prima,  Rua Conceição (anche questa abbiamo faticato a trovarla perchè i tram remodeladi non circolano negli stessi percorsi degli altri tram)

 

 

Fortunatamente siamo riusciti a salire, ma non a sederci: può accadere, infatti, che se il tram è troppo pieno non si fermi neanche.

Poi abbiamo utilizzato il tram 28 più volte per gli spostamenti.

 

 

Gli elevator

Gli elevator di Lisbona sono ascensori e funicolari che consentono di spostarsi velocemente dalle zone alte della città a quella bassa e viceversa.

Il più scenografico è sicuramente l’elevator Santa Justa, un ascensore costruito da un allievo di Eifell, in ferro battuto, alto 45 metri, una costruzione davvero singolare!

 

 

Forse non vale la pena utilizzarlo per il costo, circa 6 euro, ma se si prende il biglietto giornaliero è incluso, e allora merita. In ogni modo vale la pena vederlo sia dal basso che dall’alto, dove ha una terrazza con vista spettacolare sulla città da dentro. Io l’ho trovato bellissimo!

 

 

Tra l’altro la terrazza è a fianco al retro del Convento do Carmo, nel Barrio Alto, quindi, salendo ci si trova catapultati in uno scenario completamente diverso!

 

 

Gli altri elevator sono funicolari, con le classiche cabine gialle, che si inerpicano per salite pazzesche

 

 

L’elevator da Bica porta dal Barrio Alto alla Baixa, vicinissimo a Pink Street, e vicino al mare, a Cais Do Sodrè, poco lontano da Praca Do Commercio

 

 

La discesa è molto scenografica

 

 

L‘elevator Gloria, poco oltre Piazza Restauradores, ha 2 mezzi affiancati, purtroppo durante la settimana che siamo andati non era funzionante per cui ci siamo fatti la salita a piedi. Conduce al Barrio Alto, e con qualche passo in più si arriva al Miradouro Sao Pedro de Alcantara, dove vedere la città da un altro punto di vista ancora

 

 

Pare ci siano altri elevador a Lisbona, noi per esempio ne abbiamo preso uno, che è un volgare ascensore, in Alfama, per salire al mirador Santa Luzia, ma davvero poca cosa, e gli altri non abbiamo avuto il tempo di cercarli!

 

Girare con i mezzi di trasporto pubblici a Lisbona: la carta navegante

 

Viste le salite e le discese, e anche l’estensione della città, i mezzi pubblici sono consigliati a Lisbona, per risparmiare tempo e fatica.

Questi sono davvero economici, rispetto ad altre capitali.

Noi abbiamo trovato utile acquistare l’abbonamento giornaliero che consente di salire su tutti i mezzi, a seconda del tipo, escluso i traghetti, o escluso i treni. Ma ne esistono di 3 tipi che possono includere anche questi mezzi,  con prezzi diversi:

-per tutti i mezzi pubblici inclusi funicolare e tram, prezzo del 2024 euro  6.80
-per tutti i mezzi pubblici inclusi funicolare e tram e traghetti, prezzo del 2024 euro 9.80
-per tutti i mezzi pubblici inclusi funicolare e tram e treni per Sintra, prezzo del 2024 euro 10.40.

Esiste anche la possibilità di risparmiare sulle corse singole con biglietti scontati caricati sulla carta Navegante (ricarica da 3, 5, 10 euro fino a 40), sulla quale va anche caricato l’abbonamento giornaliero. Queste 2 modalità sono assolutamente convenienti se si considera che una corsa sul tram costa oggi 3,20, il treno per Sintra 2,40, l’elevator Santa Justa 3,80, elevator da Bica 2,90, prezzi solo andata.

La carta Navegante costa 0.50 centesimi, conviene acquistarla all’arrivo all’aeroporto, -ci sono le macchinette automatiche prima della metro,- e il consiglio è di acquistarne 2, perché non si possono caricare biglietti e abbonamenti insieme sulla stessa carta.

Noi abbiamo preso tutti i tipi di mezzi, pubblici e non, (escluso il tuk tuk): bus, tram, traghetto, treno e Bolt (a Sintra e dintorni); quest’ultimo è un taxi che, con una app comodissima, risulta più economico di Uber.

 

Sintesi delle zone di Lisbona e dei mezzi di trasporto

-i quartieri Baixa, Rossio e Chiado si possono visitare a piedi essendo in zona pianeggiante.

-il quartiere Belém si può raggiungere col treno da Cais do Sodrè, per arrivarci in breve, o col tram 15E, che passa per il centro. e in particolare da Praça do Comercio.

-il quartiere Bairro Alto essendo in collina si può raggiungere tramite l‘elevador da Bica, che è nei pressi di Cais do Sodrè, oppure tramite l’elevador da Gloria, appena oltre piazza Restauradores/Rossio

-il quartiere Alfama è in una zona alta della città, raggiungibile con il tram 28 oppure o il tram 12E. Per il castello è più comodo il bus che passa dalla cattedrale perchè ha la fermata più vicina.

-la città di Sintra è a 30 km da Lisbona, si raggiunge con il treno che parte dalla stazione Rossio, con un biglietto ordinario (o il giornaliero che comprende i treni, da 10.40 euro).

Dall’aeroporto per andare verso il centro, si può prendere la metro, linea rossa in direzione S. Sebastião, scendere alla stazione Alameda e cambiare con la linea verde, direzione Cais do Sodré, e scendere vicino al proprio alloggio. Il prezzo del biglietto è quello ordinario, quindi, se non si hanno troppi bagagli, è molto conveniente!

 

I mezzi privati

Ci sono altri modi di visitare la città con i mezzi: quelli privati. Tuk Tuk, carrozzelle, e un tram turistico, simile ai remodelado, di colore rosso. Uber e Bolt sono taxi,  entrambi molto economici rispetto ai nostri: noi abbiamo testato Bolt e la sua app, davvero efficiente ed estremamente economico!

 

 

tutti gli articoli su Lisbona

Lisbona, Sintra, Cabo Da Roca e Cascais

Lisbona: gli imperdibili (per me)

Il fado, la musica dell’anima di Lisbona

Lisbona e Pessoa: la struggente saudade contagiosa

 

Visite: 154
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Cosa vuoi cercare ?
Seguimi su Facebook

Patrizia Pazzaglia, Patty dopo un po’.

Sono versatile, camaleontica e un po’ nevrotica. 

Una come tante.  Nessuna grande passione, ma so appassionarmi.

Prendo tutto molto sul serio e in tutto quello che faccio, se mi interessa, ci metto impegno e dedizione.

Scarsamente tecnologica, diversamente social.

Mi piace condividere, mi piace ascoltare, esprimermi, se è il caso, e stupirmi.

Mi piace vivere intensamente e andare in profondità delle cose che mi interessano e lasciare andare ciò che non mi serve (anche se con difficoltà).

Mi piace lasciarmi contagiare dalla bellezza e dalle emozioni e..naturalmente viaggiare, fuori e dentro di me, col corpo e con la mente (ma anche con lo spirito).

Perchè la vita è un gran bel viaggio.