Viaggi di testa e viaggi nel mondo

Le spiagge della Corsica del sud

 

 

La Corsica del Sud ha tante belle spiagge, con un mare azzurro meraviglioso dalle mille sfumature.

In questo post vi racconto quelle che ho visto, consapevole che ce ne sono tantissime altre bellissime, che abbiamo rinunciato a vedere, per ragioni di tempo, o per scelta, perchè non troppo comode (viaggiando con un’ adolescente :) ) .

Per individuare le spiagge migliori del Sud della Corsica, ho utilizzato questo sito molto utile, che ha catalogato tutte le spiagge francesi:

https://it.plages.tv/spiagge/b-corsica

Selezionando “Corsica del sud” appare un elenco con tutte le informazioni, viene descritto anche il tragitto per arrivare e il tipo di strada, con le eventuali difficoltà. E’ presente anche una comoda mappa interattiva riepilogativa di tutte le spiagge.

 

 

La spiaggia più bella della Corsica del sud?

 

Difficile fare una classifica della spiaggia più bella del Sud della Corsica. Ogni spiaggia è unica col suo tratto di mare, la peculiarità è che non ce nè una uguale ad un’ altra, ognuna sfoggia la sua inimitabile bellezza.
Abbiamo frequentato le più fruibili, con poca strada, e facile da fare, per raggiungerle, parcheggi vicini e comodi, avendo con noi un’adolescente, pronta, diversamente, a lamentarsi.

 

 

Ho il rammarico quindi di aver lasciato indietro la spiaggia del Petite e Grand Sperone e la Balistra, in particolare, e la vicina Saint Cyprien, ma non sono pentita di essere tornata per due volte alla Palombaggia e a Santa Giulia, che confermo essere, secondo il mio parere, il top della zona. Tra l’altro sono piuttosto grandi e con punti diversi, zone di roccia, zone di spiaggia, zone attrezzate, ecc., pertanto è bello anche tornare per stare in una punto diverso.

 

 

In quasi tutte le spiagge dove siamo stati c’era una parte ricoperta di poseidonia: le alghe conferiscono un aspetto poco invitante, ma per fortuna non occupano tutta la spiaggia.
Sono molto frequentate da famiglie con bambini, e da imbarcazioni, che si appostano di fronte.

 

 

Il mio suggerimento è quello di arrivare presto, prima delle 9.30, per godersi lo spettacolo della spiaggia senza folla e accaparrarsi un buon posto, magari ai lati, per avere meno gente intorno.

E partiamo con la descrizione delle spiagge.

 

Santa Giulia

 

 

Santa Giulia è una grande baia, con un mare azzurro intenso meraviglioso, e in alcuni tratti enormi massi che si alternano alla sabbia, e che creano piccole baie, raggiungibili con brevi sentieri interni.

Il mare, con i colori del pomeriggio, mi ha ricordato quello delle Maldive.
Quando siamo andati la prima volta, la parte più a sud, vicina all’hotel Moby Dick, era piena di alghe, ma per fortuna, erano limitate a quel tratto, mentre nell’ingresso principale (parcheggio a pagamento 5 euro, dopo il 15 luglio), vicino al pontile, e fino alla marina, la spiaggia è bianca e l’acqua è spettacolare e bassa per molti metri. Sono presenti alcuni paillot e ristoranti che affittano lettini ed ombrelloni.

 

 

Se devo trovare un difetto a questa spiaggia è l‘affollamento nelle ore di punta, L’abbiamo riscontrato sopratutto dopo il 15 del mese di luglio e le tante barche davanti alla baia.

 

 

Il nostro posto preferito è stata una piccola insenatura tra grandi massi, contornata da alberi che permettevano di avere un po’ di ombra naturale.
Santa Giulia è veramente una spiaggia spettacolare e indimenticabile.

 

Palombaggia

 

 

Spiaggia bianca, ampia, mare azzurro cristallino, e alcuni pini che fanno ombra nella zona centrale, sotto cui ripararsi e stare freschi.

 

 

Per arrivare alla spiaggia si attraversa una meravigliosa pineta con alti pini verde brillante e sentieri pedonali, dove si trovano anche alcuni parcheggi (dai 3 ai 5 euro per la giornata) che consentono anche, per 10 euro, di restare per la notte. Un sogno per chi ha un camper, dormire selvaggiamente sotto i pini e fare la doccia all’aperto, sotto gli alberi.

 

 

Nel lato nord , in zona i Pini, alcune piccole baie hanno rocce di granito rosso che arrivano fino al mare e che contrastano con l’azzurro chiaro, risaltandone la trasparenza.

 

 

Qui si può giungere con l’auto proprio vicino all’ingresso della spiaggia, dove un piccolo bar, in stile tropicale, prepara panini ed insalate a pranzo (noi ci abbiamo pranzato, 2 ottimi panini, 1 ricca insalata, due birre 38 euro). Sono presenti anche i servizi, sotto la pineta, molto ben tenuti.

 

 

Nella zona centrale alcuni pini fanno ombra sulla spiaggia: noi siamo stati una giornata ad inseguirla, godendo di una brezza meravigliosa, e del mare davanti, che è il piu’ bello di tutta la spiaggia.

 

 

Le zone più affollate in spiaggia sono quelle in prossimità dei chioschi e ristoranti, che affittano anche lettini e ombrelloni, ma la spiaggia è talmente grande che non da la sensazione di eccessivo affollamento (almeno a luglio cosi’ era).

 

Tamaricciu

 

 

Parcheggiamo sul bordo della strada, che è su una salita, e, arrivando presto, troviamo facilmente posto, i parcheggi degli eleganti ristoranti sulla spiaggia sono molto cari, dai 35 ai 30 euro per la giornata. Scendiamo verso la spiaggia a piedi, in 5 minuti.

 

 

Il mare della spiaggia di Tamaricciu, che si profila davanti, è meraviglioso, acqua bassa per parecchi metri e lentamente digradante, in questo punto.

 

 

La parte sinistra, è più selvaggia, e il mare meno spettacolare rispetto a quella di destra, che termina con bellissimi massi rossi e grandi pini che arrivano fino al mare.

 

 

Da qui un sentiero in salita porta nella pineta, da cui si gode un panorama straordinario dell’intera baia e un’ombra rinfrescante, utile perché questo tratto è bello ma molto caldo. Il nome Tamaricciu deriva dall’albero omonimo caratteristico dell’area mediterranea. Proseguendo per il sentiero, si scorgono alcune spiaggette di sassi, che diventano come private perché sono presenti pochissime persone. In particolare, arriviamo ad un punto dove i massi sono enormi, e creano zone d’ombra, caverne, e geometrie meravigliose. Non ho mai amato le spiagge rocciose ma questa mi conquista!

 

 

 

Ci mettiamo all’ombra di un masso, che diventa la nostra casa per parecchie ore, dove si può godere di un fresco ineguagliabile, in solitudine.

 

 

In lontananza si vede l’azzurro del mare della Palombaggia, e io mi diverto a salire e scendere da questi massi, osservarli da ogni angolatura.

 

 

Le fotografie ovviamente si sprecano, mentre il mare, qui scuro e profondo, fa divertire i coraggiosi, che vedo in lontananza tuffarsi in acqua.

 

Rondinara

 

 

La spiaggia di Rondinara è quasi un cerchio con una piccola apertura.

 

E’ comoda, con parcheggio vicinissimo e un bel bar-ristorante all’ingresso. Camminiamo fino alle rocce rosse che si vedono a lato, e le oltrepassiamo, arrivando in una baia più piccola con acqua cristallina, e senza l’ombra di un alga.

 

 

Ci sistemiamo all’estremità opposta, a fianco ad altre grandi rocce rosse, in un tratto in cui l’acqua è bianca per quanto è chiara, e noi con l’ombrellone e le sdraiette abbiamo i piedi che quasi toccano l’acqua.

 

 

Sulle rocce qualche albero fa un po’ d’ombra e nostra figlia si posiziona lì, al fresco. Il sentiero prosegue su un’altra baia, ma la sabbia è più grossa, e questo tratto è incantevole per passare la giornata.

 

 

Rondinara è bellissima. Al ritorno verso il parcheggio, una mucca si aggira tra le auto, pare che a volte arrivino anche sulla spiaggia!

 

Roccapina

 

 

Per la spiaggia di Roccapina non è stato amore a prima vista. Forse per la strada, molto dissestata per oltre 2 km, che mi ha messo ansia (si fa anche senza fuori strada, ma le buche nel primo tratto sono veramente profonde, e bisogna andare molto piano e fare molta attenzione), forse anche perché la prima parte era invasa dalle alghe.

 

 

Eppure, arrivando, già dalla strada, ci sono alcuni punti panoramici dove si vede la baia, acqua blu, tra il verde delle montagne attorno.

 

Dominano ai lati le bellissime rocce rosse di Corsica, e sulla cima, a destra della montagna, la sagoma di quello che dicono essere un leone.

Per Roccapina non è stato amore a prima vista, ma è stato amore poi, proseguendo, e arrivando ad un tratto di mare, nel centro della spiaggia, meraviglioso, dove ho camminato a lungo guardando con stupore tanta bellezza.

 

 

Fino ad arrivare sotto la parete del leone, un angolo incantevole dove godere della vista di tutta la baia e passeggiare e fare il bagno, restando senza parole.

 

 

Durante la giornata i colori diventano sempre più accesi e di una bellezza da levare il fiato. Ci siamo goduti la giornata sul bordo del mare, sotto il nostro ombrellone, con un clima perfetto e questa vista sublime, senza troppo affollamento, probabilmente per via della strada (molte persone decidono di scendere camminando a piedi, ma la strada è veramente tanta).

 

 

Sulla spiaggia non c’è nessun servizio, una staccionata la delimita, come in quasi tutte le spiagge, per protezione di dune e vegetazione. Poca ombra si può trovare ai lati della spiaggia.

 

Pinarellu

 

 

Pinarello, o U Pinarellu, come viene chiamata dai corsi (tutti i cartelli sono in doppia lingua), è una spiaggia ancora diversa, in una grande baia di sabbia bianca, con acqua bassa e trasparente per molti metri dalla riva, nella parte sud.

 

 

Ha una splendida ed enorme pineta alle spalle ed è comoda, a pochi metri dalla strada, dove ci sono anche molti posti auto. Per queste caratteristiche è molto frequentata da famiglie con bambini (ma direi che tutte le spiagge che ho visto sono frequentate da famiglie).

 

 

E’ molto bella, ha però meno il fascino delle spiagge selvagge precedenti, a mio parere. All’estremità nord l’abbiamo trovata piena di alghe, mentre la parte che abbiamo preferito è stata proprio l’estremità sud, dove ci siamo ricavati un angolo tranquillo,vicino alla roccia.

 

Tutte queste spiagge, ad eccezione di Roccapina, hanno una piccola parte attrezzata, dove si trovano ristoranti, lettini ed ombrelloni. Quindi, volendo fare una vacanza piu’ comoda, si possono noleggiare e si puo’ mangiare in spiaggia senza portarsi sdraiette, lettini, cibo o altro. Sicuramente in questo modo il budget si alza parecchio. Non ho visto invece strutture con alloggi direttamente sulla spiaggia.

Altre spiagge delle zona le abbiamo viste sulla strada litoranea venendo da Bastia, Conca, Favone, Figa, e nonostante vicine alla strada, sembrava valesse la pena una visita.

 

Conclusioni

Che dire..le spiagge e il mare della Corsica del Sud hanno superato di gran lunga le mie aspettative, non mi hanno fatto sentire la mancanza dei miei amati mari tropicali!!!

 

 

luglio 2020

 

leggi anche:

Corsica del Sud: le accoglienti geometrie della natura

Fiumi, monti e cascate della Corsica del Sud: Solenzara, cime di Bavella e Purcaraccia

Vacanza nella Corsica del Sud: informazioni pratiche e utili

Le partenze che non ti aspetti – viaggiare dopo il covid-19

 

Tutti gli articoli sulla Corsica qui (work in progress)

Corsica

 

 

 

 

 

Visite: 1080
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

8 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Le spiagge sembrano tutte davvero molto belle! La Corsica è una meta che ho studiato già per diverse estati, ma poi alla fine non mi sono mai convinta a prenotarla perché mi sembrava di non riuscire a conciliare le esigenze di tutti i componenti della famiglia…Figli più da villaggio, noi adulti più girandoli!

2 mesi fa

Non ho mai pensato che la Corsica potesse avere un mare così meraviglioso. Ma cosa mi sono persa fino ad ora????

2 mesi fa

LSono anni che vorrei fare un giro in Corsica. Poi la pigrizia mi fa fermare sulle spiagge della mia Sardegna. Devo ammettere che questo post mi ha fatto rinnovare il buon proposito di sbarcare in Corsica prima o poi…con due adolescenti :wink:

Mabka
2 mesi fa

Che belle, queste foto fanno sognare, viene voglia di partite subito.

Cosa vuoi cercare ?
Seguimi su Facebook

Patrizia Pazzaglia, Patty dopo un po’.

Sono versatile, camaleontica e un po’ nevrotica. 

Una come tante.  Nessuna grande passione, ma so appassionarmi.

Prendo tutto molto sul serio e in tutto quello che faccio, se mi interessa, ci metto impegno e dedizione.

Scarsamente tecnologica, diversamente social.

Mi piace condividere, mi piace ascoltare, esprimermi, se è il caso, e stupirmi.

Mi piace vivere intensamente e andare in profondità delle cose che mi interessano e lasciare andare ciò che non mi serve (anche se con difficoltà).

Mi piace lasciarmi contagiare dalla bellezza e dalle emozioni e..naturalmente viaggiare, fuori e dentro di me, col corpo e con la mente (ma anche con lo spirito).

Perchè la vita è un gran bel viaggio.