Viaggi di testa e viaggi nel mondo

L’importanza del contenitore

Il contenitore ha un’enorme importanza, perché conferisce un’identità.

Il nostro corpo è  mantenuto insieme dalla nostra pelle, che fa da contenitore.

Non solo dal punto di vista fisico, ma anche mentale ed emotivo. Se mettiamo qualcosa in un contenitore possiamo evitare che si disperda. Se il contenitore ha dei buchi,  qualcosa va perso. Così per le sostanze e le cose; lo stesso vale per le persone.

L’acqua mantiene la sua identità all’interno di un contenitore; se lo si toglie, si mescola con altre sostanze e diventa qualcosa di diverso.

In mancanza di un contenitore siamo in balia del tutto, ci perdiamo e ci disperdiamo.

Perché il contenitore, definendo chi siamo, ci dà confini. Mantiene insieme e ci fa comprendere dove finiamo noi e dove inizia altro. Ci dà la coscienza di noi.

 

 

Il primo contenitore dell’uomo sono le braccia materne o di qualcuno che lo accudisce. La pelle è il primo confine che percepiamo e lo strumento attraverso cui percepiamo. Per questo è cosi’ importante il contatto. Un abbraccio ci contiene: ci fa sentire rassicurati, ci fa sentire di esistere, ci permette di sentire noi stessi. Ma anche uno sguardo è un contenitore: ci raccoglie e ci rimanda il nostro riflesso.

In seguito la nostra identità come persone, si costruisce all’interno di un contenitore che si chiama famiglia, per i piu’ fortunati; per altri il contenitore puo’ essere una struttura,  l’ambiente in cui vivono.

Quando si cresce, ci si consolida nel contenitore scuola.

Poi diventano importanti altri contenitori: i gruppi, reali o virtuali, le comunità, l’ambito delle relazioni, la relazione con un partner.

Dapprima per capire chi “siamo” e cosa siamo, poi per la ricerca di simili e affini. Prima per sentire di esistere, di essere una persona, poi cercare di non sentirsi soli. Non sentirsi soli, cercando qualcuno con cui condividere quello che si è scoperto di noi e quello che si è appreso dalle nostre esperienze.

E da cui imparare.

In cui rispecchiarsi.

I nostri confini, il nostro contenitore, ci rimandano l’immagine di noi stessi.

Solo se abbiamo avuto una buona esperienza di “contenimento”, possiamo aver costruito solidi confini che ci permettano di non essere in balia. In balia di altri, in balia delle nostre emozioni e delle nostre azioni.

Solo se abbiamo dei buoni confini possiamo non mischiarci con l’altro, non confonderci con l’altro, non identificarci con l’altro, non essere invasi dall’altro, non essere manipolabili dall’altro.

Solo se abbiamo buoni confini, le nostre emozioni possono  essere non debordanti e non annientarci,  ma farci sentire vivi.

Solo se abbiamo buoni confini, possiamo essere padroni delle nostre azioni, nel rispetto di noi e degli altri.

Ecco perché è importante sapere dove finisco io e dove inizia l’altro.

Ecco perché è importante che mi abbiano dato regole e limiti e che io li abbia interiorizzati, in modo da non doverli poi cercare al di fuori, andando a sbattere da qualche parte.

Ecco perché è  importante, comunque, avere sempre qualcuno e qualcosa che mi faccia da contenitore, dove poter riversare quello che ho dentro e sentire che esisto.

Che mi permetta di stare di fronte a me stesso.

Si inizia da vicino, dalla nostra pelle, per arrivare all’altro, agli altri.

E man mano che ci consolidiamo il nostro contenitore e il nostro confine puo’ essere sempre piu’ vasto.

Fino ad essere il mondo, che ci rimbalza la sua immagine sconfinata.

 

 

(foto Pixabay e Patrizia Pazzaglia)

 

potrebbe interessarti anche

Gli effetti di una madre invadente nella vita di un figlio

Muri e confini

Visite: 3841
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

11 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
4 mesi fa

interessante
sembra scientifico
sarebbe bello farmi una passeggiata e domandarmi quali soni stati tutti i “contenitori” che mi hanno “contenuta”, qiuando sono uscita da un contenitore per entrare in un altro e perché e con quali effetti, ecc. Sarebbe il tema di una profonda meditazipne per rimettwere a posto le proprie idee intornp a sé stesso. Buoni spunti. grazie ciao

Gintsburg Dina
4 mesi fa

Bellissima riflessione sulla vita, sono cose che abbiamo nella nostra mente ma di sicuro non ci fermiamo mai a rifletterci…

2 mesi fa

Interessante , non avevo mai pensato in questi termini alla mia persona.
Buono spunto di riflessione.

2 mesi fa

Molto bella questa riflessione sul contenitore, in questo periodo in cui gli abbracci sono ancora vietati, fa riflettere ancora di più su quanto abbiamo bisogno di essere contenuti dentro qualcosa di confortante , fa parte proprio della nostra umanità. Grazie davvero.

2 mesi fa

Hai super ragione! È molto importante avere un contenitore!

2 mesi fa

Mi hai fatto riflettere su qualcosa a cui non avevo mai pensato… alla fine della lettura avevo in mente l’immagine della piantina che rinvasi man mano che cresce per farla crescere meglio… mi piace!

2 mesi fa

In effetti bisognerebbe riflettere maggiormente sull’ importanza di alcune regole che devono essere interiorizzate per avere dei confini che rafforzano la nostra identità.

2 mesi fa

Condivido le tue considerazioni e sono una grande sostenitrice del prendersi cura del proprio “contenitore”. Se è sano, in ordine e tranquillo puoi aprirti agli altri e aiutarli. Viceversa la dispersione è inevitabile. È un’ottima riflessione per tutti.

Cosa vuoi cercare ?
Seguimi su Facebook

Patrizia Pazzaglia, Patty dopo un po’.

Sono versatile, camaleontica e un po’ nevrotica. 

Una come tante.  Nessuna grande passione, ma so appassionarmi.

Prendo tutto molto sul serio e in tutto quello che faccio, se mi interessa, ci metto impegno e dedizione.

Scarsamente tecnologica, diversamente social.

Mi piace condividere, mi piace ascoltare, esprimermi, se è il caso, e stupirmi.

Mi piace vivere intensamente e andare in profondità delle cose che mi interessano e lasciare andare ciò che non mi serve (anche se con difficoltà).

Mi piace lasciarmi contagiare dalla bellezza e dalle emozioni e..naturalmente viaggiare, fuori e dentro di me, col corpo e con la mente (ma anche con lo spirito).

Perchè la vita è un gran bel viaggio.