Viaggi di testa e viaggi nel mondo

Navigando

 

 

Navigo in questo mare, con la voglia di infinito, di varcare i miei confini, quelli che con duro lavoro ho cercato di costruirmi e consolidare.

Tappando i buchi di quel colabrodo che ero, che facevano entrare ed uscire indiscriminatamente di tutto, toccando le parti vive e scoperte, indifese.

 

Navigo con la voglia di sconfinare, andare verso l’ignoto lasciando il conosciuto, il quotidiano, la routine.

 

Navigo con quel delicato equilibrio di parti ricucite, di pezzi separati poi ricomposti. Con un contenitore che ho esplorato e dove ho trovato le mie verità e scacciato molte illusioni e menzogne, attraverso un lungo percorso per ritrovarmi intera.

 

Un contenitore tutt’altro che infrangibile, fragile. Tanto da non poter ancora accogliere il riflesso di uno specchio che rimanda scissione, visioni parziali della realtà, o che difetta di verità. Perturbazioni, nel mio navigare, che non mi posso permettere di affrontare, dal momento che la mia barca non è ancora solida a sufficienza.

 

Sebbene sia grande il mio desiderio, e bisogno, di condivisione e di confronto, di fratellanza e di comunione, so che devo cercare percorsi e discorsi per navigare in acque tranquille. Devo restare lievemente sull’acqua, senza andare in profondità se non percepisco di essere in acque sicure. Per non rischiare che, da qualche spiraglio, da qualche buco rimasto, entri nella mia barca ciò che non deve, provocando spaccature o squarci, e mi trascini di nuovo nella tempesta.

 

(foto di copertina scattata a Zanzibar)

 

ti potrebbe anche interessare

 

Non so dove i gabbiani abbiano il nido…

 

Muri e confini

Fragilità

Siamo soli?

Le affinità selettive

Elogio alla fuga

La mia vita in bianco e nero

 

Non sopporto gli influencer!

 

Ingenuità e purezza

Il senso di comunione perduto

 

Visite: 315
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Cosa vuoi cercare ?
Seguimi su Facebook

Patrizia Pazzaglia, Patty dopo un po’.

Sono versatile, camaleontica e un po’ nevrotica. 

Una come tante.  Nessuna grande passione, ma so appassionarmi.

Prendo tutto molto sul serio e in tutto quello che faccio, se mi interessa, ci metto impegno e dedizione.

Scarsamente tecnologica, diversamente social.

Mi piace condividere, mi piace ascoltare, esprimermi, se è il caso, e stupirmi.

Mi piace vivere intensamente e andare in profondità delle cose che mi interessano e lasciare andare ciò che non mi serve (anche se con difficoltà).

Mi piace lasciarmi contagiare dalla bellezza e dalle emozioni e..naturalmente viaggiare, fuori e dentro di me, col corpo e con la mente (ma anche con lo spirito).

Perchè la vita è un gran bel viaggio.